Finanza d'impresa & Formazione

Leasing

Il leasing, contratto di leasing, tipi di leasing, operativo finanziario
Pasquale Stefanizzi
Pasquale Stefanizzi

Esperto in Rapporti
Banca-Impresa & Crowdfunding

Indice Contenuti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Il leasing è una forma di finanziamento di medio/lungo periodo. Esamineremo: contratto, canone, tipologie: operativo e finanziario.

Il contratto di leasing prevede 2 o 3 parti, questo aspetto è fondamentale rigurardo la definizione di leasing.

Direi però di andare per ordine e di iniziare dal contratto.

Contratto leasing

Per numerosi anni, il contratto di leasing è stato considerato un contratto atipico, ossia non specifato da un’apposita normativa. Si andava per analogia e si cercava di mettere insieme più contratti.

Si deve alla legge sulla concorrenza e sul mercato, numero 124/2017, la specifica normazione.

Sino al 2017, è stato la combinazione del

  • contratto di vendita con patto di riservato dominio
  • contratto di locazione.

Leasing significato

Nel contratto la società concede il godimento di un bene al debitore per un determinato periodo di tempo, rimanendone proprietaria sino alla scadenza.

In quest’ultimo momento il debitore potrà riscattare il bene e, solo allora, divenirne il proprietario.

All’avvio dell’operazione il debitore versa il cd. maxicanone iniziale che serve alla società di leasing per ripartire il rischio operativo ed il rischio finanziario dell’operazione.

Il numero di soggetti coinvolti (2 o 3) varia a seconda della natura del bene e, quindi, della tipologia del leasing.

Nel leasing vivono due operazioni: quella di noleggio e quella di finanziamento. Solitamente hanno uguale importanza.

Leasing come funziona

Rispetto all’acquisto diretto del bene con capitale proprio o ricorrendo ad un mutuo, il leasing offre al debitore, alla scadenza, di non riscattare il bene e riprenderne uno nuovo (leasing auto).

Alla scadenza del contratto è infatti prevista, per il debitore, la FACOLTA’ e non l’OBBLIGO di acquistare il bene, ad un prezzo già preventivato al momento della sottoscrizione.

Se oggetto del contratto fosse un’auto, se la stessa avesse dato problemi nel periodo di vigenza del contratto, il debitore potrebbe restituirla e prenderne una nuova!

E’ bene sottolineare che il fornitore del bene assume una rilevanza strategica, meno nel leasing operativo e di più in quello finanziario.

Differenza con il mutuo

Rispetto al mutuo, il leasing è più flessibile perché prevede tempi di delibera più rapidi considerato che la proprietà del bene rimane in testa alla società di leasing (è come se fosse garantito da garanzia reale).

Molto spesso poi le società richiedono anche la garanzia del fondo di garanzia, a quel punto il rischio finanziario è compresso e il rating dell’operazione è ottimo!

Tipologie di leasing

Di norma si distinguono due tipologie di leasing: quello finanziario e quello operativo. L’elemento di distinzione delle tipologie di leasing risiede nella natura del bene.

Leasing operativo

Nel leasing operativo oggetto del contratto è un bene standard, per esempio l’auto, un PC, dei mobili, ecc.

Il debitore o utilizzatore indica specificatamente alla società qual è il bene che gli serve, la società di leasing lo acquista e lo cede in locazione finanziaria.

E’ vantaggioso per coloro i quali sono soliti cambiare spesso l’oggetto (turnover elevato) del contratto e non vogliono immobilizzare del capitale per l’acquisto.

Leasing finanziario

Nel leasing finanziario il bene non è standard e il debitore/utilizzatore lo fa costruire alla società su specifiche indicazioni, il terzo soggetto (costruttore) seguirà le indicazioni del debitore ma lo venderà alla società di leasing.

In questo caso l’operazione finanziaria è assai più importante rispetto a quella di noleggio tant’è che la durata del leasing può andare anche oltre i canonici 3/5 anni.

Il riscatto è un’operazione molto più frequente nel leasing finanziario rispetto a quanto non accada in quello operativo.

In contabilità

Contabilmente si prevede la sola scrittura, mese per mese (nel caso di pagamento mensile), dei canoni e l’imputazione del costo nel conto economico (godimento beni di terzi).

Qualcuno potrebbe pensare erroneamente che non abbia impatti in termini di stato patrimoniale o in centrale rischi di banca d’Italia.

Essendo invece un’operazione finanziaria a tutti gli effetti essa produrrà importanti effetti tanto nello stato patrimoniale quanto in centrale rischi.

Le banche sono solite, durante l’attività di affidamento, valutare attentamente la presenza dei leasing i quali andranno ad impattare nel rapporto rata/reddito, considerato che i canoni dranno a cumularsi con le scadenze dei mutui.

Il debito residuo andrà ad aumentare la posizione finanziaria netta, al pari dei mutui.

Lo stato patrimoniale sarà riclassificato secondo criteri finanziario. Per cui il valore residuo del bene andrà nel dare dello stato patrimoniale ad aumentare il capitale investito, così come nel passivo andrà inserito il debito residuo.

Magicamente quindi l’indice di indebitamento aumenterà per effetto della presenza di questo debito.

In centrale rischi saranno censiti come “segnalanti” tutte le società di leasing, le quali indicheranno il proprio affidamento tra i rischi a scadenza (al pari dei mutui).

In sintesi

Il leasing è un’ottima operazione di finanziamento, alternativa al mutuo ma molto simile ad essa negli effetti.

Come tutti gli strumenti finanziari andrà calata nella singola attività d’impresa.

Nell’anno delle importanti agevolazioni fiscali legate agli investimenti 4.0, bonus sud, formazione 4.0, ecc. l’utilizzo finanziario dell’operazione in esame potrà essere una grande arma in mano alle imprese.

Bisognerà infatti distinguere l’aspetto “incentivo” dall’aspetto “finanziario” dell’investimento. Molto spesso i consulenti di finanza agevolata li confondo mettendo nei guai gli imprenditori!

E’ indispensabile trovare la copertura finanziaria dell’investimento prima di pensare all’incentivo fiscale ad esso connesso. Solo così si potrà pensare a preservare il corretto equilibrio finanziario e la vita finanziaria dell’impresa.

Condividi questo articolo se l'hai trovato interessante!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Altri Articoli

Scrivimi per un approfondimento

Iscriviti alla Newsletter

Ø spam, + Valore

Iscrivendoti a questa Newsletter Accetti di ricevere solo comunicazioni di altissimo valore.

L’invio delle email sarà quindicinale o maggiore.

Potrai cancellare la tua iscrizione in ogni momento tramite il link presente in ogni email o scrivendo una messaggio a: [email protected] .