post-thumb

Invoice trading è un mezzo che consente di ridurre i crediti e migliorare il leverage. Altri effetti interessanti sono: generare cassa, contenere il debito, abbassare il capitale investito!

Invoice trading è un mezzo alternativo all’anticipo fatture o all’anticipo riba (invoice trading vs anticipo fatture).

E’ effettuato da società private che comprano in massa i crediti e liberano nelle aziende importanti risorse.

Invoice trading è alternativo anche al factoring, il quale richiede una notevole ricorrenza, mentre invece questo strumento può essere utilizzato all’occorrenza.

Numerose possono essere le circostanze in cui può essere utilizzato.

Forse la più importante è legata al miglioramento del bilancio di fine anno, quando le aziende hanno maggiori necessità di liquidità ma non hanno voglia di sottoscrivere contratti da durate elevate.

Elementi strategici

  • la qualità dei debitori ceduti (il cliente al quale ho fatturato). In questo caso infatti l’importanza, in termini di rating, si sposta dal cedente (io che ho fatturato al mio cliente) al debitore ceduto. E’ importante quindi cedere crediti di clienti dall’alto merito creditizio, altrimenti rischeremo di non avere l’anticipo o di averlo a prezzi assai elevati;
  • la scadenza, purtroppo non sono predilette scadenza oltre i 90 giorni. In pratica sappiamo però che le scadenze, soprattutto nell’industria sono assai più elevate, spesso tra i 120-180 giorni;
  • la qualità intrinseca del cedente che, nel caso esaminato, ha una valenza assai più elevata perché funzione della mole di informazioni che detiene la società collegata a quella che effettua l’anticipo.

Vantaggi dell’invoice trading

Uno dei vantaggi principali è che questo strumento non richiede di avere un castelletto anticipi (su cui si pagheranno esose commissioni di messa a disposizione), ovvero una linea di credito autoliquidante… un fido bancario insomma, da utilizzare.

Un altro importante vantaggio risiede nel fatto che questo strumento non viene segnalato in centrale rischi di Banca d’Italia.