post-thumb

Il futuro del sistema bancario è difficile da definire ciò che è certo è che sta cambiando.

Il sistema bancario perderebbe tantissimo se continuasse a fissare la sua attenzione alla spasmodica vendita di servizi. Perché il sistema bancario è nato per intermediare il denaro e non solo per vendere servizi!

Un buon futuro del sistema bancario potrebbe essere quello in cui queste grandi aziende, patrimoni di interessanti informazioni, divenissero intermediari delle informazioni.

Dovrebbero però continuare anche la propria originaria missione, ovvero acquisire risorse dai soggetti in surplus (risparmiatori) per offrirle in prestito ai soggetti in deficit (imprese e privati per beni essenziali e non per comprare anche la carta igenica)!

Origine del sistema bancario

Nei libri di tecnica bancaria è scritto che le funzioni delle banche sono:

  • intermediaria del credito, rispetto alla quale guadagna il cd margine di interesse, ossia raccoglie soldi per es. al 2% e li impiega al 4%. La differenza, per banalizzare, 4%-2% rappresenterebbe il margine di interesse,
  • creazione della moneta, rispetto alla quale continua a guadagnare il margine di interesse. Facendo circolare moneta diversa da quella cartacea (ce ne sarà sempre meno), per es. assegni o moneta virtuale (ce ne sarà sempre di più), creano nuove risorse (per chi volesse approfondire consiglierei di leggere la teoria del moltiplicatore dei depositi), che utilizza a costo ZERO per impiegare al tasso a cui fa i prestiti,
  • trasmissione della politica economica e monetaria, ovvero far passare sulla pelle della gente le decisioni prese dalle banche centrali e dai governi,
  • prestazione di servizi, rispetto alla quale guadagna il margine da servizi, ossia il profitto derivante dalla vendita dei servizi. In questo periodo le banche hanno implementato tanti servizi, dimenticandosi della loro principale funzione, fare prestiti (perché il denaro glielo hanno regalato le banche centrali)! Se si dovesse entrare in banca si rischierebbe di uscire col carrello pieno di cose, anche inutili!

Qualche critica

Riprendendo la funzione di trasmissione della politica economica e monetaria, mi sento di fare un passaggio di elevata criticità nei confronti del sistema bancario.

Probabilmente quello che sto per rappresentare è il motivo che ha avviato la ricerca di alternative al sistema bancario al fine di abbandonare l’attuale sistema bancocentrico.

Negli ultimi 10 anni le banche, si sono contraddistinte per l’elevata lentezza nella trasmissione delle decisioni di politica economica ma soprattutto monetaria.

Il crollo dei tassi di interesse avrebbe dovuto portare ad un repentino crollo dei costi del credito (in questo momento il ragionamento è lato imprese), invece tutto ciò non è accaduto!

Non solo le banche sono diventate sempre più lente, sempre più burocratizzate, hanno eliminato quasi completamente l’autonomia decisionale alle periferie per concentrarle nelle mani di pochi tecnici che prendono le decisioni guardando esclusivamente i rating e dimenticando la storia dell’impresa, l’intraprendenza dell’imprenditore, la voglia di fare di tutti i soggetti che ruotano intorno all’imprenditore.

Mi riferisco ai cd organi deliberanti che ho immaginato sempre come persone con barbe lunghe sedute su un trono che prendono le decisioni di far morire o lasciare vivere le imprese.

Tutto questo ha comportato la perdita della fiducia delle persone nei confronti del sistema bancario

Quale futuro

Vi lascio al video la mia risposta!