Come migliorare il rapporto di indebitamento - A Scuola d'Impresa

Come migliorare il rapporto di indebitamento

Come migliorare il rapporto di indebitamento è l’interrogativo intorno al quale stiamo lavorando.

E’ un argomento su cui ci si è soffermati durante l’evento “Le forme innovative di finanziamento a supporto dello sviluppo d’impresa.

Abbiamo scritto già 2 post sul rapporto di indebitamento e altri ne scriveremo:

Come migliorare il rapporto di indebitamento è importante perché il leverage è lindicatore di bilancio che descrive, in prima battuta, la presenza di equilibrio o di disequilibrio patrimoniale.

Il suo miglioramento è spesso oggetto di profonde riflessioni da parte degli imprenditori.

Le riflessioni dell’imprenditore sono legate al fatto che la risposta a “come migliorare il rapporto di indebitamento” è funzione di tre cose (in modo alternativo o insieme):

    • mettere mano al suo portafoglio (nota sempre dolente)
    • aumentare la compagine sociale e far entrare dei nuovi soci (altra nota dolente)
    • ridurre il capitale investito a fronte di un mantenimento costante del patrimonio netto (di questo parleremo più diffusamente in futuro).

La prima alternativa è troppo difficile da seguire e richiede la gestione “politica” dell’imprenditore.

Rispondiamo quindi, in questo post, a “come migliorare il rapporto di indebitamento” utilizzando la seconda leva, ovvero aumentando il numero dei soci.

Attualmente l’equity crowdfunding ci consente di poterlo fare (in realtà, in questo blog, se ne è iniziato a parlare nel 2014, anno di entrata in vigore della normativa in materia)…

Nel video sono indicati anche i risultati ottenuti da due delle prime imprese che hanno battuto questa strada.

L’analisi dei bilanci delle 2 imprese indagate indica chiaramente il miglioramento del leverage e della posizione finanziaria netta…

Ci si è limitati all’analisi solamente di 2 imprese perché la prima normativa in materia di equity crowdfunding limitava l’accesso esclusivamente alle startup innovative.

Leave a Reply