post-thumb

Questa settimana argomento rovente: i derivati finanziari! Rovente un pò come il clima che sta infuocando il Salento in questi giorni!

I derivati finanziari sono strumenti non originali. Non esistono di per sé, esistono perché collegati ad un altro strumento finanziario principale, tecnicamente definito sottostante.

I derivati sono nati per offrire un servizio all’imprenditore che non voleva correre uno specifico rischio e si “cautelava” investendo delle risorse nel loro acquisto.

Per analogia potremmo pensarlo come una polizza assicurativa.

Si caratterizzano poi per la cd “leva finanziaria”, ossia dal fatto che pur investendo una modica cifra è possibile muovere enormi cifre.

Un esempio di derivati finanziari

Mi spiego se volessi acquistare 1.000.000 di azioni dell’azienda DELTA avrei bisogno di tanti soldi, posso però comprare una call su DELTA con una determinata scadenza e il cui controvalore sia la cifra da me indicata investendo però 1/10 o 1/100 del valore stesso! Tutto questo è splendido… però…

E’ evidente che otterrei i risultati non sull’investimento effettuato (1/10 o 1/100 di € 1.000.000) ma sulla cifra che sto muovendo.

Tanto più la leva finanziaria è elevata tanto più è rischioso il derivato finanziario perché può portarmi ad un risultato eccezionalmente positivo o eccezionalmente negativo.

I derivati servono a leva finanziaria proprio per servire all’obiettivo iniziale: coprirsi da un determinato rischio.

Per esempio, se avessi un’esposizione futura in ¥ ma per mestiere faccio l’imprenditore, allora posso fissare ad oggi il valore del cambio €/¥ in modo che qualunque variazione dovesse subire io non perderei e non guadagnerei dal cambio ma dall’attività d’impresa incassata in valuta!

Purtroppo però i derivati finanziari, benché siano nati con motivazioni valide e conservative, sono stati utilizzati per speculazioni finanziarie tanto da costringere il legislatore ad inserire il loro effetto in bilancio.

La loro valorizzazione potrà quindi aumentare o ridurre il patrimonio dell’impresa! E questo è un problema… buona visione…