Finanza d'impresa & Formazione

Rischio di credito

Rischio di credito
Pasquale Stefanizzi
Pasquale Stefanizzi

Esperto in Rapporti
Banca-Impresa & Crowdfunding

Indice Contenuti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Il rischio di credito è importante studiarlo e conoscerlo affinché gli imprenditori conoscano il mestiere delle banche!

Conoscendo come ragionano le banche è possibile anche anticipare i problemi e risolverli, ove possibile, per tempo ottenendo così più credito.

Il rischio di credito è, in parole povere, la possibilità che il concedente credito possa trovarsi, oggi, a dover fare delle valutazioni sul futuro e sulla capacità di rimborso del cliente.

E’ il rischio che il credito offerto oggi possa non rientrare nelle modalità e secondo le regole sottoscritte all’atto dell’affidamento.

La banca oggi, per normativa, deve mantenere della liquidità in virtù della quantità e della qualità del credito offerto.

In ragione del rischio quindi la banca dovrà mantenere della liquidità a secondo di specifiche variabili, denominate componenti del rischio di credito, che sono:

  • PD – probabilità di insolvenza (probabilità di fallire)
  • LGD – tasso di perdita in caso di insolvenza
  • EAD – esposizione in caso di insolvenza

Tutte queste variabili entrano nel giudizio di rating.

In sostanza quindi il famoso giudizio di rating (A+, AAA, AA, BB, BB+, BB-, ecc) non è altro che una funzione delle 3 variabili in gioco.

Al fine di comprendere meglio, sarà necessario studiare ed approfondire il funzionamento di ogni singola variabile.

Per esempio, nel tasso di perdita in caso di insolvenza giocano un ruolo essenziale le garanzie perché riducono questo tasso di perdita.

Queste, in caso di insolvenza del debitore, potranno mettere la banca nella condizione di recuperare il proprio credito.

Per ridurre il rischio di credito bisognerà fare elevata attenzione all’importanza del bilancio (fondamentale per la valutazione della PD).

Aspetto poi di non secondaria importanza vi è la patrimonializzazione dell’impresa, attraverso per esempio operazioni di equity crowdfunding.

Specifici approfondimenti li troverete all’interno dei post racchiusi tra quelli di “economia aziendale“.

Condividi questo articolo se l'hai trovato interessante!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Altri Articoli

Scrivimi per un approfondimento

Iscriviti alla Newsletter

Ø spam, + Valore

Iscrivendoti a questa Newsletter Accetti di ricevere solo comunicazioni di altissimo valore.

L’invio delle email sarà quindicinale o maggiore.

Potrai cancellare la tua iscrizione in ogni momento tramite il link presente in ogni email o scrivendo una messaggio a: [email protected] .