Finanziamenti agevolati Puglia

Indice Contenuti

Finanziamenti agevolati Puglia – La Regione Puglia ha avviato un programma di finanziamenti agevolati veramente interessante!

Tutti coloro i quali hanno interesse ad avviare una nuova attività d’impresa ne devono tenere conto perché (almeno sulla carta) sembra molto semplice da mettere in piedi e lineare nella sua essenza.

Ricordiamo che, oltre agli incentivi regionali, ci sono anche quelli europei. Come per esempio i fondi europei al turismo.

Finanziamenti agevolati Puglia

NIDI

Il nome di questo programma di Finanziamenti agevolati Puglia è N.I.D.I. acronimo di Nuove Iniziative d’Impresa.

Obiettivo dei finanziamenti agevolati da parte della Regione Puglia è quello di avviare una nuova impresa o finanziarne una già esistente purché costituita da meno di 6 mesi ed inattiva; avviata, gestita o partecipata per almeno la metà (sia in termini di numero di soci che di capitale investito) da soggetti:

  • giovani con età tra 18 anni e 35 anni;
  • donne di età superiore a 18 anni;
  • disoccupati che non abbiano avuto rapporti di lavoro subordinato negli ultimi 3 mesi;
  • persone in procinto di perdere un posto di lavoro
  • lavoratori precari con partita IVA (meno di 30.000 € di fatturato e massimo 2 committenti)

Non sono considerati in possesso dei requisiti (in nessun caso): i pensionati, i dipendenti con contratto a tempo indeterminato, gli amministratori di imprese, anche se inattive, e i titolari di partita IVA.

L’impresa dovrà essere MICRO, ovvero avere meno di 10 addetti e funzionare utilizzando una delle seguenti forme giuridiche: ditta
individuale, società cooperativa con meno di 10 soci, Snc, Sas,
associazione tra professionisti, Srl.

Settori dei Finanziamenti agevolati Puglia

I settori finanziabili sono numerosi, come di seguito esplicitato:

  • attività manifatturiere 
  • costruzioni ed edilizia
  • riparazione di autoveicoli e motocicli
  • affittacamere e bed & breakfast
  • ristorazione con cucina (sono escluse le attività di
    ristorazione senza cucina quali bar, pub, birrerie, pasticcerie,
    gelaterie, caffetterie, ristorazione mobile, ecc.)
  • servizi di informazione e comunicazione
  • attività professionali, scientifiche e tecniche
  • agenzie di viaggio
  • servizi di supporto alle imprese
  • istruzione
  • sanità e assistenza sociale non residenziale
  • attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento (sono escluse le attività delle lotterie, scommesse e case da gioco)
  • attività di servizi per la persona.

Investimenti dei Finanziamenti agevolati Puglia

  • fino a € 50.000,00 – l’agevolazione è pari al 100% (metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile)
  • tra € 50.000,00 ed € 100.000,00 – l’agevolazione è pari al 90%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile
  • tra € 100.000,00 ed € 150.000,00 – l’agevolazione è pari all’80%, metà a fondo perduto e metà come prestito rimborsabile.
    Le regole del prestito sono riassunte la tabella seguente 
finanziamenti agevolati puglia

È inoltre sempre previsto un contributo sulle spese di gestione dei primi sei mesi pari ad € 5.000,00.
Le procedure burocratiche sono state molto esemplificate al fine di offrire tale opportunità a chiunque.

Domanda

E’ necessario compilare una domanda preliminare (disponibile sul sito www.sistema.puglia.it/nidi) che descrive le caratteristiche tecniche ed economiche del progetto, i profili dei soggetti proponenti, l’ammontare e le caratteristiche degli investimenti e delle spese previste il cui format è scaricabile QUI

Non è previsto l’invio di alcun documento cartaceo né l’uso della PEC.

Per compilare la domanda preliminare bisognerà aver individuato una sede in Puglia (non serve un contratto) e avere i preventivi degli investimenti
da realizzare.

Bisognerà dimostrare, per accedere ai finanziamenti agevolati della Regione Puglia, di essere possessore del denaro necessario per pagare l’IVA sugli investimenti (ATTENZIONE l’iva è solo una “partita di giro” nel senso che deve essere anticipata dall’imprenditore il quale la recupererà con le vendite) e la parte di finanziamento non agevolabile (qualora l’investimento superasse gli € 50.000).

In modo molto semplice è possibile calcolare la somma di denaro di cui dovrà disporre ogni neoimprenditore collegandosi al sito http://nidi.regione.puglia.it/calcola-linvestimento-iniziale.php.

E’ possibile infine comprendere autonomamente se si è nelle condizioni di poter ottenere i finanziamenti agevolati della Regione Puglia compilando questo questionario http://nidi.regione.puglia.it/controlla-i-tuoi-requisiti.php.

Il bando completo è scaricabile QUI

A parere di chi scrive i finanziamenti NIDI rappresentano un’ottima opportunità per i giovani pugliesi che abbiano interesse ad avviare una nuova attività d’impresa.

In bocca al lupo a tutti!

Pasquale Stefanizzi
Pasquale Stefanizzi

Esperto in Rapporti
Banca-Impresa & Crowdfunding

Altri Articoli

bilancio di esercizio

Bilancio di esercizio

Cos’e’ il bilancio d’esercizio? Come migliorare il bilancio di esercizio del 2020? Andiamo per gradi… E’ il complesso dei documenti che hanno imprenditori e imprese per far conoscere se stessi!

Read More »
piano di ammortamento

Rimborso mutuo

Rimborso mutuo è il post dedicato alle scritture contabili in partita doppia che riguardano il normale decorso dell’estinzione di un mutuo.

Read More »

Restiamo in Contatto

Iscrivendoti alla mia Newsletter Accetti di ricevere solo comunicazioni di altissimo valore.

Potrai cancellare la tua iscrizione in ogni momento.

Iscriviti alla Newsletter

Ø spam, + Valore

Iscrivendoti a questa Newsletter Accetti di ricevere solo comunicazioni di altissimo valore.

L’invio delle email sarà quindicinale o maggiore.

Potrai cancellare la tua iscrizione in ogni momento tramite il link presente in ogni email o scrivendo una messaggio a: [email protected] .

POSSO AIUTARTI?

Scrivi qui il tuo messaggio, risponderò alla tua e-mail.