Finanza d'impresa & Formazione

Roe – Return On Equity: formula, definizione, calcolo, scomposizione

ROE
Pasquale Stefanizzi
Pasquale Stefanizzi

Esperto in Rapporti
Banca-Impresa & Crowdfunding

Indice Contenuti

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

ROE – Return On Equity è il post dedicato alla formula, definizione, calcolo e scomposizione del ROE indice di bilancio. Partendo dalla definzione e dalla formula, cercherò di sintezzare il significato di questo indice di bilancio, per far emergere la capacità espositiva che la sua scomposizione può offrire.

Questo post, come quello scritto per il rapporto di indebitamento o, più in generale, sull’analisi di bilancio è utile come “educazione finanziaria” degli imprenditori! Non sottovalutate questo aspetto!

Formula

Il ROE o Return On Equity è la formula che definisce la redditività del capitale investito.

ROE formula / ROE calcolo = Reddito netto / Patrimonio netto.

Si caratterizza per l’apporto che l’indice di indebitamento può avere nel suo incremento.

Nel calcolo ROE, il leverage svolge

  • un effetto nullo se è =1, questo accade quando l’impresa opera solo con patrimonio proprio,
  • un effetto moltiplicativo >1, quando l’impresa è indebitata e utilizza questo come effetto moltiplicatore (sfruttando per esempio le garanzie messe a disposizione dallo Stato).

La formula del ROE considera il complesso dei redditi ottenuti nel bilancio d’esercizio di un’impresa, sia quelli derivanti dalla gestione caratteristica sia quelli derivanti della gestione extra caratteristica (accessoria, finanziaria, straordinaria e fiscale).

Significato

Il ROE rappresenta la remunerazione della proprietà per aver sostenuto il rischio assunto dall’investimento. Il valore del ROE è funzione della natura dell’impresa.

Per questo si è soliti confrontare il ROE con il rendimenti dei titoli “risk free” – solitamente i titoli di Stato.

In verità, a me personalmente, questo parallelo non piace perché è come se si stessero confrontando pere con mele (sotto l’aspetto del rischio).

Sarebbe più giusto confrontare rendimenti di aziende operanti in settori simili.

All’ampliamento della differenza tra il Roe e il rendimento su un investimento “risk free”, la proprietà dovrebbe ampliare la dotazione di fondi investiti nella società.

Solitamente la “patrimonializzazione dell’impresa” non è figlia di queste logiche ma di logiche diverse (ammesso che ci siano delle logiche di patrimonializzazione).

Qualora si volesse individuare il rendimento atteso di un investimento rischioso, sarebbe possibile aggiungere al rendimento di un titolo “risk free” il cd. premio al rischio.

L’imprenditore ovvero la proprietà di una società è scevra da ragionamenti quantitativi di questo genere, le imprese familiari italiane hanno nell’impresa il proprio patrimonio e viceversa (molto spesso sbagliando).

Tornando alla valutazione del ROE, è importante operare delle “analisi di mercato” al fine di comprendere l’evoluzione di un’impresa rispetto alle altre ed all’intero settore.

Definizione di Return on Equity

La definizione di Return on Equity è semplice: indice di sostenibilità degli investimenti aziendali.

La sua valutazione lascia trasparire il grado di generare capitale di rischio (facilmente individuabile dall’analisi dello Stato Patrimoniale) per effetto della gestione durante l’esercizio.

Gli utili netti infatti, aumentando il patrimonio aziendale, offrono la possibilità di escludere l’apporto esterno di capitale, soprattutto per quelle imprese già provate sotto l’aspetto finanziario.

Indice ROE e formula ROE offrono interessanti spunti di riflessione sulla capacità dell’imprenditore di valutare la quantità di capitale rischiato all’interno dell’impresa.

Calcolo e scomposizione del ROE

Il significato ROE è insito nella possibilità di valutare i vari aspetti gestionali, rappresentando l’indicatore di redditività del capitale proprio più importante.

Scomposizione del ROE secondo l’approccio moltiplicativo

L’ indice ROE è posto a valle del processo di valutazione, cioè riassume tutti gli aspetti gestionali. ATTENZIONE!!! Risalendo il conto economico è possibile comprendere le aree di efficienza e di inefficienza economico/aziendale!

L’imprenditore si mette così nelle condizioni di comprendere se sia più conveniente investire nella propria azienda ovvero in qualche titolo di aziende simili, operanti nel medesimo mercato, ovvero ancora in titoli privi di rischio.

A tal fine sfatiamo anche il mito dei titoli “risk free” che non esistono.

La pratica degli ultimi anni ha, infatti, sovvertito questa teoria indicando anche i titoli di stato come titoli a rischio.

Per certi versi un rischio ancora più pericoloso perché legato al più generale andamento socio, economico, politico, sociale, epidemiologico di una nazione.

La scomposizione del ROE secondo l’approccio moltiplicativo ha però il difetto di non essere capace di dire all’imprenditore fino a quando possa spingere l’indebitamento.

Purtroppo, infatti, le componenti extracaratteristiche sono sintetizzate in un unico indicatore: incidenza della gestione extracaratteristica, condizionato da tutte e 4 le diverse aree.

Non sarà più sufficiente valutare indici quali il ROI, il turnover, leverage, l’utile corrente, ecc.

Scomposizione del ROE secondo l’approccio additivo

Il calcolo del Roe di società operanti nel medesimo mercato evidentemente non è cosa banale perché, per esempio, può nascondere risultati condizionati da numerose variabili:

Proprio per isolare i condizionamenti che potrebbero derivare al ROE return on equity, si è soliti scomporlo e valutare l’apporto, in termini di redditività, delle diverse aree di gestione.

E’ proprio grazie alla scomposizione del Roe secondo l’approccio additivo raggiungere un grado di analisi delle componenti e delle marginalità che condizionano il conto economico di un’impresa.

Sintesi di Roe – Return On Equity: formula, definizione, calcolo, scomposizione

In sintesi quindi, essendo un indicatore “generico” (non come il ROI che è specifico) perde di rappresentatività implicita per ampliare la sua portata informativa quando viene utilizzato per migliorare la più generale informativa d’impresa.

Quando è negativo si palesa ogni aspetto di difficoltà vissuto dall’impresa, a tal punto da farla chiudere con una perdita di bilancio.

Con ROE negativo lo squilibrio economico sarà diventato talmente grave da condizionare negativamente anche il patrimonio apportato dall’imprenditore.

Bando a quanto si sente e si legge, non esiste un valore ottimale!

Quello ottimale è sicuramente quanto l’impresa è capace di generare di fronte all’efficiente lavoro dell’intero complesso, in un determinato momento storico in cui viene calcolato.

In molti testi leggo i numeri più vari: 3%, 5%, 10%!

Un’impresa per assurdo può accettare come “ideale”, in un determinato anno, anche un ROE indice del -3%, di fronte allo scatafascio del sistema economico/produttivo nazionale!

Spero di aver offerto una panoramica su ROE significato, su ROE indice di bilancio, su ROE definizione ed infine su indice ROE calcolo coerenti con le attese! Per qualsiasi necessità potete lasciare un commento, cercherò di aiutarvi!

Condividi questo articolo se l'hai trovato interessante!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter

Iscriviti alla Newsletter

Ø spam, + Valore

Iscrivendoti a questa Newsletter Accetti di ricevere solo comunicazioni di altissimo valore.

L’invio delle email sarà quindicinale o maggiore.

Potrai cancellare la tua iscrizione in ogni momento tramite il link presente in ogni email o scrivendo una messaggio a: [email protected] .